Masters 1000 News

Madrid, per Roger buona la prima

In una partita bella ma poco combattuta, Federer regola in meno di un’ora il francese Gasquet, in condizioni fisiche non ottimali. Ora aspetta il vincente tra Gaël Monfils e Márton Fucsovics


Il momento è arrivato.

Pronti via e Federer, molto preciso e concentrato, non patisce l’emozione da debutto. La partenza invece è in salita per Gasquet, che appare lento negli spostamenti e perde subito il servizio, permettendo a Roger di scappare sul 3-0. Nel quarto game il francese muove il punteggio chiudendo con un bel rovescio lungolinea. Al turno successivo il re va sotto 15/30, ma con una seconda carica e due ace spegne sul nascere quest’accenno di reazione. Richard adesso è più sciolto e tiene il servizio agevolmente.

Le migliori meraviglie, chiaramente, vengono dai rispettivi rovesci, ma tra settimo e ottavo game Federer decide di esporre tutto il campionario, facendo punto anche con il dritto, poi a rete e con un servizio vincente; infine arrivano due delicate smorzate in risposta, nascoste fino all’ultimo, che hanno come naturale conseguenza il  set point, sul quale Richard prova a emulare la palla corta, ma senza successo.

Il primo set è durato solo 23 minuti: 6-2, 15 vincenti e 6 errori per il re, 5 e 7 per Gasquet, poche discese a rete, 5 ace a 1 per lo svizzero.

Risultati immagini per federer

Sotto lo sguardo divertito del fenomeno Ronaldo comincia il secondo set, più equilibrato. Non arrivano le palle break e in un’occasione il francese riesce a tenere il servizio a zero, con Roger che prova risposte aggressive senza trovare il campo. Arriva anche il game in cui non entra la prima, ma Federer riesce a far male con la seconda e se la cava.

L’impressione è che Roger ci sguazzi quando si gioca in velocità, ma che soffra leggermente quando il gioco rallenta, permettendo a Gasquet di dimostrare che la mano c’è ancora, eccome. Fino al 4-3 Federer non si vede l’ombra di una palla break, poi nell’ottavo game il re piazza la zampata e se ne procura due consecutive, finalizzando la prima con uno smash e adesso va a servire per il match. Con la sua tipica fretta sale 40-15. Sono passati 51 minuti, la risposta di Gasquet è larga, finisce qui.

Partita piacevole per gli occhi, veloce e leggera, ma condizionata dalla stanchezza del francese, duramente provato dalle fatiche di ieri e dalla lunga inattività. I colpi ci sono, la testa anche, il prossimo match con il vincente tra Fucsovics e Monfils dirà di più sulla tenuta fisica.

0 commenti su “Madrid, per Roger buona la prima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...