A DUE PASSI DAL SOGNO

Federer batte con sconvolgente eleganza Milos Raonic e approda alla sua 12esima semifinale di Wimbledon senza aver ancora perso un set. La rivincita col canadese è servita, ma ora bisogna rimanere concentrati…


Che partita.

Il rischio di continuare a ripetersi, incensando le lodi di un extraterrestre, è davvero molto alto.

Credo che ormai tutto e di più sia stato detto. Ma poi la verità è che le parole non bastano. Le emozioni che si provano guardando una partita del Re sul leggendario Centre Court si devono vivere. La “religiosa esperienza” di cui parlava un certo David, va provata sulla propria pelle. E non voglio nemmeno immaginare cosa possano aver provato ieri i fortunati possessori di un posto a sedere nel tempio del tennis quando per esempio, sullo 4-3 nel tie-break del terzo set, Roger ha infilato quel passante di dritto a rientrare sulla riga.

 

Non ci voglio neanche pensare perché io che l’ho seguita dal soggiorno della mia casa – ma senza quasi mai sedermi – al termine delle due ore di spettacolo ero probabilmente più sudato di colui che aveva messo in scena cotanta perfezione.

Eh sì, perché a questo punto di perfezione si tratta. Il modo in cui ha giocato e gestito in scioltezza i primi due set ha fatto sembrare il delicato quarto di finale del torneo più prestigioso del mondo un match di esibizione. O peggio, un’ora di lezione.

Quest’anno, sono tornato a giocare a tennis. E posso concentrarmi sulla strategia. Questo – ha detto lo stesso Federer – credo faccia la differenza. Sto giocando bene, sono riposato e fresco. In fiducia. Quindi mi riescono grandi cose. La fiducia è molto importante”.

È davvero molto importante, lo sa bene chiunque abbia mai giocato una partita di tennis. Ed è proprio lì che il Re quest’anno ha fatto il grande passo avanti: nella testa. Nella convinzione di stare bene e di poter battere chiunque. Chiedete pure a Nadal.

Foto 12-07-17, 22 06 34

Ora Roger è a soli due passi da un risultato inimmaginabile fino a solo sei mesi fa. Con Nole, Andy e Rafa fuori, la pressione è tutta sulle sue spalle. È questo l’unico ostacolo rimasto da superare. Quello di considerarla già fatta.

Roger è chiaramente il favorito del pronostico, ma bisogna rimanere centrati sull’obiettivo e continuare a giocare partita dopo partita. Non sottovalutare nessun avversario ma essere sicuri dei propri mezzi. Esattamente come fatto fino ad ora.

Federer è centrato anche su questo: “Favorito o meno importa poco. Gli altri semifinalisti sono molto potenti. So che potranno dire la loro sul campo. Hanno un gran servizio e un gran dritto. Sono tutti più alti e più forti di me. Dovrò trovare le giuste contromosse, usare lo slice e le diverse rotazioni ed essere continuo. E non vedo l’ora di farlo.

E noi non vediamo l’ora di vedertelo fare.

BEL19VE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...