Federer: “Ritirarmi ora? Ci ho pensato, ma…”

In una recente intervista, Christopher Clarey ha avuto la possibilità di fare due chiacchiere al telefono con Roger mentre quest’ultimo si trovava ancora a Praga per la promozione della Laver Cup. E tra un festeggiamento e l’altro, il Re ha confessato che l’idea del ritiro in grande stile gli sia effettivamente balenata per la testa. Qui di seguito la traduzione delle parti più salienti dell’articolo pubblicato dal New York Times.


Con il suo 18° e più inaspettato titolo del Grande Slam in mano, non era irragionevole chiedersi se Roger Federer, seguendo i passi dell’amico e modello Pete Sampras, sarebbe uscito di scena una volta compiuto l’ultimo acuto.

E lo stesso Federer mi ha spiegato come il pensiero del ritiro gli abbia effettivamente fatto capolino nel cervello.

“Credo che in una parte recondita del mio cervello sia passata questa domanda: Come potrei mai migliorare questo risultato?”, mi ha detto al telefono da Praga. “Ma poi la gioia è stata così grande, ho continuato a riguardare la reazione del mio team quando ho convertito il match point e come sono saltati dalla gioia. È stato incredibile. Divertentissimo. Sento che voglio provare quelle sensazioni di nuovo.

foto-01-02-17-11-47-21

Sampras non è mai riuscito a giocare un’altra partita di livello dopo aver vinto il suo 14° e ultimo Slam, a 31 anni agli US Open del 2002, formalizzando poi il suo ritiro meno di un anno dopo.

Ma Federer ha altri piani, e dopo aver vinto l’Australian Open il 29 gennaio, sconfiggendo la sua nemesi Rafael Nadal in un trascendentale incontro in cinque set, ha confermato che ha tutta l’intenzione di continuare a giocare.

Infatti, dopo essere stato a Praga con Berdych per promuovere la Laver Cup, martedì Roger è volato a Dubai a preparare il suo rientro ai Duty Championship della prossima settimana, torneo che ha già vinto sette volte. Dopo di che, il mese di marzo prevede le partecipazioni ad Indian Wells e Miami, ma solo se il suo fisico lo permetterà.

16830797_1654525751227615_4315291151420305019_n

Federer ha infatti detto che l’infortunio alla parte superiore della coscia che lo ha disturbato per gran parte degli Australian Open, rimane una preoccupazione. “Non sono ancora tornato ad allenarmi al 100%, devo stare attento”, ha aggiunto.

Questa è stata l’unica nota negativa dell’eccitante mese in cui Federer ha potuto festeggiare uno Slam dopo quasi cinque anni.

“Questa vittoria ha avuto l’effetto più lungo di qualsiasi altro Slam vinto nella mia carriera”, ha detto. “Sono così felice perché non ho dovuto giocare nelle settimane successive. È ciò mi ha veramente permesso di rifletterci e godermelo. In passato, nel 2003, quando ho vinto Wimbledon per la prima volta, andai a Gstaad il giorno dopo per allenarmi. È molto diverso questa volta. Sto ancora cavalcando l’onda, mi sento ancora al settimo cielo.

16640953_1653104214703102_5024570992834096537_n

Roger è salito ancora più in quota la settimana scorsa, quando si è preso un giorno di vacanza tra le montagne svizzere vicino a Lenzerheide insieme alla sua copia della Norman Brookes Challenge Cup, il trofeo assegnato al campione maschile degli Australian Open.

“Io lo chiamo Norman”, ha detto del trofeo. “Ho cenato con Norman, ho passato un sacco di tempo con Norman. Lo so che è solo una replica, ma va bene così”. Aggiungendo: “Ho pensato che fosse un’idea carina. Arrivare da una terra lontana come l’Australia e riportare il trofeo indietro fino ai luoghi più importanti della propria patria”.

“Abbiamo provato un paio di cose diverse lassù, con la racchetta, una palla e Norman”, ha detto Federer, ridendo. “Ho solo pensato che fosse super divertente. I tifosi amano queste cose”.

Credi che questa vittoria sia stata predestinata?

“Onestamente, ho sentito più predestinata la vittoria agli Open di Francia rispetto a questa”, ha detto riferendosi al suo primo e ancora unico titolo Open di Francia nel 2009. “Per questa ho dovuto lavorare.”

Quando Federer vinse a Parigi, Nadal, che era il super favorito, perse incredibilmente al quarto turno da Robin Soderling.

Roger Federer celebrates 7/6/2009

“Ci sono stati incontri difficili con Delpo and Haas, naturalmente”, ha detto Federer, riferendosi alle vittorie in cinque set con Juan Martin del Potro e Tommy Haas al Roland Garros 2009. “Ma questo titolo non l’ho sentito come destinato ad accadere allo stesso modo. All’inizio mi sentivo troppo fresco nella mente, ma alla fine lo desideravo così tanto. Mi sentivo troppo bene alla fine e stavo cavalcando l’onda della rimonta non avendo niente da perdere. Sentivo che era più una cosa del genere. È stata una sorpresa. Se una cosa è destinata ad accadere hai tutto da perdere. Questo trionfo è stato diverso da qualsiasi altro che abbia mai vissuto.

Anche se le probabilità che Melbourne rimanga un’esperienza unica sono molto alte, Roger sarà presto di nuovo sulla linea di fondo a Dubai o altrove, fiondando rovesci a una mano contro ragazzi più giovani e con molto di più da dimostrare di lui.

“L’obiettivo, quando ho preso la mia pausa di sei mesi, era quello di continuare a giocare per un altro paio d’anni, non solo per un torneo”, ha ribadito Federer. “Capisco le persone che dicono, ‘Oh, questo sarebbe un momento perfetto per lasciare.’ Ma sento di aver lavorato così tanto, da aver ancora tanto carburante nel serbatoio. E poi, mi piace così tanto.

 


Fonte: www.nytimes.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...